Dischi volanti su Vigna murata: il centro idrico

Dischi volanti su Vigna murata: il centro idrico

Nella penombra di un tramonto, da lontano, un frequentatore non abitualedella Cecchignola potrebbe facilmente scambiarli per astronavi provenienti daaltri mondi; lo spiazzo verde sopra alquale insistono, del resto, potrebbe essereun’eccellente pista di atterraggio. In realtà, i due dischi metallici sopra il Parcodella Cecchignola non potrebbero essere niente di più lontano dalla aeronavedi un ipotetico visitatore alieno.

Come il lorovicino “Fungo”–sito però a qualche chilometro di distanza–idue dischi sono in realtà parte di un’unica torre piezometrica, ovvero una torrenecessaria alla distribuzione dell’acqua nella Capitale. I “colleghi” del gigantedi120 metri diVigna Muratasono, infatti, circa cinquanta, sparse in tutto ilterritorio urbano per garantire l’approvvigionamento idrico dell’intera Urbe; ilcentro idrico di cui stiamo parlando serve i quartieri Eur, Laurentino, Ostiense,Testaccioe persino i rioni Ripa e San Saba. Questa torre, però, spicca per il suodesign avveniristico, essendo stata progettata in acciaio con una precisaintenzione, divenire un centro polifunzionale, centro idrico e polo museale allostesso tempo: si spiegano così la terrazza panoramica, postasopra la vasca diarrivo dell’acqua (con annessa caffetteria sospesa ad 80 metri), la scala el’ascensore, all’interno dei piloni esterni, e le diverse colorazioni dei tubi,deliberatamente non interrati. Si voleva, infatti, esplicitare ilfunzionamentodell’impianto: in blu sono i tubi delle acque in partenza, in rosso quelle in arrivoed in giallo gli scarichi. Il “simbolismo” non finisce poi qui: i 96 pannelli cherivestono il serbatoio inferiore corrispondono, infatti, ad un’unità temporale di15 minuti; come una moderna meridiana, il progredire delle ombre segna iltempo per i quartieri limitrofi

Il progetto di farne il “Parco scientifico dell’Acqua”, tuttavia, non è mai statorealizzato. Laterrazzavuotacontinua ogni giorno a guardare dall’alto diquelpassato avveniristico un futuro che non è stato quello immaginato da «2001:Odissea nello spazio». Chissà però che, nel 2089, a cent’anni dall’inaugurazione del centro idrico, dischi volanti possano volare accanto ai loro simili d’acciaio.E che siano, possibilmente, guidati da umani.


Gabriele Rizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *