Italia, Turchia: scanner termico all’arrivo per tutti i passeggeri

ROMA — L’Italia e la Turchia hanno detto mercoledì che stanno prendendo le temperature di tutti i passeggeri dei voli in arrivo con nuove misure di prevenzione volte ad arrestare la diffusione dell’ epidemia del virus che ha ucciso centinaia di persone in Cina.

Il Ministro della Salute turco Fahrettin Koca ha detto che le telecamere termiche installate negli aeroporti turchi cominceranno a controllare tutti i passeggeri in arrivo giovedì. In precedenza, la Turchia stava controllando i viaggiatori provenienti da Cina, Giappone, Taiwan, Tailandia, Hong Kong, Singapore, Corea e Malesia.

L’Italia il 30 gennaio ha bloccato tutti i voli commerciali da e per la Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan, lo stesso giorno due turisti cinesi di Wuhan, duramente colpiti, sono risultati positivi al nuovo tipo di coronavirus a Roma.

Ma per aumentare le precauzioni verso i passeggeri di altri Paesi, il Ministero della Salute e la Protezione Civile hanno annunciato che utilizzeranno i termo-scanner “su tutti i passeggeri in arrivo”.

“È chiaro che si tratta di una misura temporanea”, ha dichiarato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio.

Ha indicato che il divieto di volo in Italia potrebbe essere attenuato una volta che gli scanner saranno tutti al loro posto.
I due turisti cinesi in Italia, colpiti dal virus, sono stati trasferiti in terapia intensiva presso l’ospedale per malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e sembra che soffrano anche di polmonite virale.
I due sono stati intubati e sottoposti a un trattamento antivirale sperimentale, ha detto l’ospedale, aggiungendo che la loro condizione di mercoledì era grave ma stabile.

Mercoledì scorso, la Russia ha evacuato 144 persone dall’epicentro dell’epidemia, la città cinese di Wuhan. Tutti gli sfollati saranno messi in quarantena per due settimane in un ospedale nella Siberia occidentale.
Il presidente russo Vladimir Putin si è complimentato con il governo cinese per aver adottato “misure decisive e vigorose” per contenere l’epidemia in un incontro con i nuovi ambasciatori cinesi a Mosca.
La Cina e tutti noi stiamo affrontando il pericolo della diffusione del coronavirus”. Il governo cinese adotta misure decisive e vigorose per fermarlo. Siamo pronti a fornire aiuto e il necessario sostegno ai nostri amici cinesi”, ha detto Putin.

Sul fronte commerciale, il gigante aerospaziale europeo Airbus ha chiuso il suo stabilimento nel nord della Cina che assembla i jet A320, un’altra vittima della battaglia della cinese contro il virus.

L’ultima dichiarazione di Airbus non ha dato alcuna indicazione su quando lo stabilimento di assemblaggio di Tianjin potrebbe riaprire. In essa si diceva che l’attività dell’azienda in Cina rispettava i requisiti governativi secondo cui i dipendenti dovevano lavorare da casa, ove possibile. Airbus ha anche detto che le restrizioni imposte ai viaggi in Cina e a livello internazionale per rallentare la diffusione del virus “stanno ponendo nuove sfide logistiche”.

A partire da mercoledì, la Cina ha avuto 490 morti e 24.324 casi confermati di virus. Anche Hong Kong e le Filippine hanno avuto un decesso ciascuno. L’Europa ha 28 casi confermati di virus, con la Germania che ne ha il maggior numero sul continente con 12 casi, tutti collegati a un’azienda di ricambi auto.

Leonardo Toti

Giornalista e imprenditore del digitale. Studioso di digital economy, web e finanza, appassionato di politica, si diletta scrivendo, viaggiando e facendo tanto ma tanto sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *