Il calcio in balia del Coronavirus. Mentre Cristiano Ronaldo torna in campo dopo la quarantena anche Francesco Totti risulta positivo al Covid

Il Covid-19 non risparmia nessuno. Puoi essere ricco o povero, ma quando arriva ti colpisce senza alcuna pietà. Lo sanno bene anche i grandi del calcio, come Cristiano Ronaldo, che dopo una lunga quarantena è tornato a giocare con la sua Juventus contro lo Spezia, segnando tra l’altro una doppietta che ha dello straordinario. Rientri così gloriosi nella storia dello sport accadono non di rado, come quando Michael Schumacher tornò al volante della sua Ferrari nelle piste di Formula 1 dopo una frattura a una gamba, frutto di un incidente al Gran Premio di Gran Bretagna, centrando all’istante la pole position in Malesia e poi regalando una facile vittoria al suo compagno di squadra Eddie Irvine, in corsa per il titolo. Ferrari gestita ovviamente dal gruppo Fiat, e quindi dalla famiglia Agnelli, la stessa che ha in mano la Juventus. Un paragone, si può dire, per niente azzardato tra CR7 e Schumacher, due dominatori assoluti della propria categoria.

Purtroppo pure una leggenda come Francesco Totti non è immune al Coronavirus – di cui tra l’altro è morto recentemente suo padre –, tanto da aver sviluppato sintomi febbrili, mentre la moglie Ilary è anch’essa positiva, ma asintomatica. E nonostante tutto il leggendario capitano della Roma ha voluto rendere omaggio a Gigi Proietti, scomparso il giorno del suo 80esimo compleanno, rilasciando in esclusiva per Il Foglio una lettera in cui ricorda l’attore romano con immenso affetto: “Mi ha seguito per tutta la carriera da calciatore, era un grande tifoso romanista e ha rappresentato Roma nel mondo come solo noi veri romani sappiamo fare. Gigi ti voglio bene, anche dal cielo ci farai stare allegri. Roma ti sarà sempre grata”.

Di Simone Pacifici

Simone Pacifici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *